Cos'è il turismo, sei turista o viaggiatore?

turista o viaggiatore

Cos'è il turismo?

Sei  turista o viaggiatore?

 E' turista chi si allontana dal proprio luogo, ambiente, territorio ove risiede costantemente per muoversi, visitare e vivere temporaneamente in luogo diverso.

Le motivazioni molteplici che inducono l'individuo a questa scelta temporanea non ne cambiano il concetto, ma costruiscono attorno ad esso il modello al quale si conforma con il suo atteggiamento. Che sia turismo responsabile, sostenibile, di massa, culturale, rurale, sociale, montano, balneare, termale sempre è una attività di svago collegata con il ripristino di forze fisiche o mentali, sempre escludendo l'intenzionalità di una remunerazione. Turista non è chi si sposta per motivazioni legate con l'emigrazione temporanea o prolungata oggetto di complesse ragioni socio-economiche. Se interpretiamo le manifestazioni del turista quando visita i luoghi prescelti, possiamo anche elencare alcune differenze esistenti nel suo comportamento e applicare attraverso di esse un significato diverso al termine turista. Introduco allora l'espressione Viaggiatore come diversità di atteggiamento o di modo di muoversi dal Turista. Spesso il turista non è un viaggiatore autentico. Ecco dunque i nostri aforismi per questa rubrica.

 ll turista, nella sua ricerca del diverso, erode e distrugge quella diversità, proprio godendola.

(J. Cosgrave e R. Jackson)

 L'autentico viaggiatore è cosi interessato alle cose reali che non giudica necessario credere nei miti. (Aldous .Huxley)

 Il turista attraversa un paesaggio, il viaggiatore lo vive.

Per il viaggiatore, il viaggiare stesso diventa un vizio dominante al quale egli cede di buon grado. La tentazione ad indulgervi è irresistibile. (A. Huxley) 

Il turista spende e impoverisce, il viaggiatore spende e arricchisce il territorio e se stesso.

 Per il viaggiatore spesso succede di partecipare, senza volere, ad atteggiarsi ad osservatore distaccato. La curiosità è addirittura una necessità. (A. Huxley)

Il turista appartiene ad un fenomeno complesso in cui si riversano inquietudini, bisogni, desideri, sogni e aspirazioni. Ridurlo ad un certo snobismo come amano fare alcuni intellettuali, significa precludere la possibilità di dare un valore e un senso allo spostarsi dell’uomo contemporaneo. Il turista è figlio del viaggiatore.

 Turismo, l'arte della delusione. (Robert Louis Stevenson)

Lo spazio del turista è prima di tutto un'immagine. (J. M. Miossec)

 Il turista oggi è molto altro, è sicuramente una persona a cui vendere un insieme di servizi,  che vive il territorio e che si interfaccia con le realtà locali. (da Facebook)

 

IL  turista  si sente straniero,  il  viaggiatore  si sente ospite.

Il turista viaggia per seminare, il viaggiatore per raccogliere.