Booking.com

120.000 hotel a disposizione

Alloggi, Voli, Noleggio auto

Controvento, Federico Pace

aforismidiviaggio controvento pace

Dal suo sottotitolo già si capiscono tante cose: Storie di viaggi che cambiano la vita.

Vorrei segnalare ai nostri lettori un piccolo libro consigliatomi da un’amica lettrice, una vera chicca. E’ una raccolta di tante piccole storie di vite di illustri personaggi, siano essi scrittori o poeti, musicisti o pittori, uomini o donne, che in seguito ad un viaggio sono cambiati. Da questi racconti flash si capisce che l’autore è un viaggiatore attento e colto, conosce i luoghi in cui s’imbatte per sua scelta e ha studiato i personaggi. Soprattutto nella prima parte del volumetto chiamata Legami e battaglie Federico Pace lascia un po’ in sospeso l’identità del viaggiatore per permettere al lettore di scoprire il protagonista del viaggio in questione. Nel proseguo dei racconti, quando il lettore l’ha forse individuato, ecco che lo rivela facendoci capire perché quel viaggio, proprio quel viaggio, abbia modificata la sua vita. Il metodo di scrittura è originale, coinvolge nella scoperta e mette il lettore di fronte alle proprie conoscenze letterarie, artistiche o scientifiche della sua contemporaneità. Il libro non è solo particolare per questo, è scritto bene e si potrebbe leggere tutto d’un fiato per la curiosità che suscita di conoscere o riconoscere tutti quei “protagonisti” così ben illustrati accompagnati dalla descrizione dei luoghi, illustrati con un alone poetico che non lascia indifferenti, è quindi anche un libro di impressioni di viaggio.Le sue citazioni di autori letterari sono sempre colte e calzanti.

ciaobici BusumCi parla ad esempio del viaggio di Einstein, La tempesta e la felicità, che inizia con il suo nome e dice: Einstein sull’oceano, un abisso sopra un altro abisso.” Pensieri abissali, dunque… Quello di Einstein non è un viaggio di piacere, la sua é la fuga dall’Europa nazista dove lui, ebreo, non tornerà mai più. In Distacchi e avvicinamenti ci racconta di Josef Brodskij il grande poeta leningradese costretto nel 1972 a lasciare l’Unione Sovietica per l’esilio, la sua Leningrado ormai diventata San Pietroburgo é la città che non rivedrà mai più. In America fa molte conoscenze, diventa molto amico del poeta Auden, e fa molte amicizie, ma non dimenticherà mai l’amata Russia. Brodskij che era innamorato dell’Italia volle essere sepolto nel cimitero di Venezia.Splendido il viaggio del pianista Keith Jarrett che attraversa tutta la Germania, andata e ritorno da Colonia, dove infine arriva stanco morto per il suo concerto già sold out. All’arrivo scopre che il suo pianoforte non c’è, non vorrebbe suonare, ma lo convincono a farlo e su un piano qualsiasi. Il concerto si rivela un capolavoro, per fortuna è stato registrato. Nel capitolo: Origini e mutazioni Federico Pace ci racconta di David Bowie che trovandosi in Giappone nel 1973 alla fine del suo tour mondiale, in piena epoca sovietica decide di prendere una nave per Vladivostok e attraversare tutta la Russia con la transiberiana. La notte precedente aveva sognato di morire in un incidente aereo e per scaramanzia non prende “il volo”.  Scopre così la natura incontaminata della Siberia, le nuvole basse all’orizzonte, le betulle, la povertà accompagnata da sorrisi dolcissimi. Il futuro architetto Le Corbusier (Charles-Edouard Jeanneret) è giovane e prima di cominciare a creare del suo, vuol conoscere le architetture europee, così gira tutta Europa e arriva a Istambul. Qui va dal patriarca ortodosso per ottenere il permesso di visitare il monte Athos. Era il 1911 lui aveva 23 anni, voleva conoscere anche l’architettura di quei monasteri arroccati, voleva conoscere non solo l’architettura.  Resta affascinato dall’infinita diversità degli uomini e capisce cosa c’è di unico e comune in tutta l’umanità. Ci sono altre personalità da scoprire ma ve li lasciamo trovare da soli nelle pagine di questo affascinante volumetto pieno di sentimento e di poesia. (Gabriella Pittari)

aforismidiviaggio si viaggiare

"Chi viaggia controvento sente con anticipo i profumi che la strada gli rivelerà, oltre". (L. H. Stone)